Il Ponte sul Basento di Sergio Musmeci

080
Autore:
Elena Zanon
Lingua:
Italiano
Edizione:
1
Pagine:
192
Formato:
16x23,5
Anno:
2020
Rilegatura:
Brossura cucita - Soft cover
Stampa:
Colori
Illustrazioni:
Si
EAN:
9788895315713
ISBN:
978-88-95315-71-3
30,00
IVA inclusa Spedizione in Italia in 2 giorni
Quantità
Disponibilità

 

Pagamenti sicuri con carta di credito e prepagate

 

Spedizione gratuita per ordini superiori a 60,00 €

 

Resi veloci e 14 giorni per ripensarci gratuitamente

L’osservazione del comportamento di cavi elastici, reti, membrane e pellicole di sapone suggerì nuove possibilità di organizzazione della materia e delle strutture architettoniche: trovare la forma (form-finding) piuttosto che crearla a partire da modelli predefiniti (form-making). Sergio Musmeci rappresenta il più alto esempio italiano di questa ricerca ed incarna la figura di un progettista in grado di riconciliare la separazione accademica tra ingegneria e architettura, tra arte e scienza. Musmeci lascia un archivio significativo di soluzioni, invenzioni, intuizioni, concepts e realizza un progetto-manifesto, il Ponte sul Basento a Potenza. A mezzo secolo dalla sua realizzazione la struttura appare come opera fuori dal tempo, un’impresa della mente e nello stesso tempo la traccia evidente di un considerevole pragmatismo. Musmeci ribalta l’approccio tradizionale al calcolo strutturale, perseguendo con tenacia l’idea della “forma come incognita”, rifiutando dunque i metodi codificati di dimensionamento e verifica di elementi predefiniti (piloni, travi, archi) individuando la necessità di “sviluppare una vera e propria teoria delle forme”. Le intuizioni di Musmeci si allineano (e anticipano per certi versi) nuovi indirizzi di ricerca che, a partire dagli anni ’80, caratterizzano l’intera avanguardia architettonica (da Eisenmann a Zaha Hadid), sintetizzabile nella centralità del concetto di diagramma ed “interamente basata sulle enormi potenzialità di trattamento delle informazioni offerte dai calcolatori elettronici”: il tipo non definisce più l’idea di partenza di un’opera, ma è sostituito dal diagramma che rifiuta la descrizione della forma finale dell’oggetto architettonico per indagare il sistema complesso di relazioni delle sue parti.

Metodi di pagamento

Metodi di spedizione

chat Commenti (0)